mercoledì 3 agosto 2016

IL "DELEGATO CAPO TURNO"


Riceviamo e pubblichiamo:

Siamo venute a conoscenza che l'azienda di recente ha coniato la nuova definizione di “Delegato Capo Turno” con la quale pare individui la figura del “vecchio” Capoarea, già parecchio ambigua e vaga, e ci piacerebbe sapere in cosa consistono esattamente queste deleghe che vengono attribuite al Delegato Capo Turno e se l'operatore che viene delegato ha veramente i requisiti per poterle avere.
Noi riteniamo che questa attribuzione abbia diversi punti critici:
  
- Ricadute in termini di Sicurezza dei “sottoposti”: Il Delegato capo turno nel momento in cui gestisce altri lavoratori diventa a tutti gli effetti Preposto con tutti gli obblighi e le responsabilità, anche penali, legate alla sicurezza e previste dalla legge (TU 81\2008). Il Capo Turno ha per queste ragioni una formazione specifica e una conoscenza adeguata delle proprie responsabilità. Ci risulta invece che il suo "delegato" sia "pescato" all'occorrenza tra i semplici operatori senza essere adeguatamente formato. Per cui un Delegato capo turno può dare disposizioni di lavoro ai suoi pari gestendo anche i lavoratori con limitazioni alla mansione senza essere in grado di valutare le possibili conseguenze in termini di salute e di sicurezza delle sue disposizioni. 
 
- Ricadute in termini contrattuali legate alla mansione e alla categoria: Il Delegato capo turno, di norma inquadrato nella 4° categoria, è chiamato a dare disposizioni di lavoro a suoi pari nonostante il suo profilo contrattuale non glielo consenta. 
Per queste ragioni accettando di svolgere di fatto le mansioni di un capo turno ci si assume anche tutte le responsabilità legate a quel ruolo! 


Richiamiamo l’azienda al rispetto e alla corretta applicazione della vigente normativa contrattuale e di sicurezza.




3 Agosto 2016
G.Garzella e S.Cini RSU

19 commenti:

  1. Leggo che figure come Capo Area e delegato Capo turno sono ambigue, ma il sindacato cosa ha fatto fino ad'ora per normalizzare queste situazioni (specie dei Capi Area) non degne di una multinazionale?

    RispondiElimina
  2. Una domanda,il Capo Area è anche il preposto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Preposto è “persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell’incarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l’attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa” (art. 2 comma 1 lett. e) D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81).

      Elimina
  3. E tutte le altre figure professionali che NEGLI ANNI hanno lavorato in ruoli ben diversi da quello previsto sul contratto di lavoro che hanno firmato? Ci si sveglia solo ora? Fa comodo a qualcuno ADESSO alzare la polvere?
    L'azienda farà sempre i suoi comodi, siete voi lavoratori pecore che non sapete dire di no per paura di chissà cosa, o che siete accecati dal briciolo di potere che vi fanno credere di avere. È con gente come voi che la situazione attuale esiste (e poi andate a piange dal sindacato colluso)
    Buone ferie gente, ah no, già..

    RispondiElimina
  4. Di tali figure ne sono state fatte tante in questi anni e nessuna promessa è stata mai mantenuta,l'unico interesse era e sarà sempre quello di sfruttare le persone a costo zero anche perché se fanno degli straordinari gli faranno sempre con le loro spalle e nessuno gli regala nulla mi spiace solo per loro che saranno solo preposti a farsi il .... In cambio di un bel nulla.
    Dimenticavo correte è solo correrete tanto sarete sempre considerati solo un numero e come un misero numero verrete trattati.

    RispondiElimina
  5. Uno può pensare quello che vuole, ma per qualsiasi azienda certe figure servono, come servono i manutentori servono anche i capi turno/capi area, essendo semplici operai e l'azienda non ne può fare a meno, il sindacato tra i vari doveri dovrebbe tutelare anche queste persone cercando degli accordi con l'azienda. Ne va della serietà di tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'unica categoria "tutelata" negli anni è quella dei manutentori (che almeno godono di un accordo scritto con l'azienda), il resto sono solo discorsi (e sfruttamento)

      Elimina
  6. Ne vogliamo parlare di quinti livelli, trombati, che sono alle macchine in produzione con i quarti livelli a dovergli insegnare? È regolare questa cosa?

    RispondiElimina
  7. Firmatevi massa di codardi.. Che maltrattate i capi area che sono operai come voi...non per loro scelta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto da un anonimo non vale niente. Inizia te a dare il buon esempio, no?
      Inoltre, coi venti che tirano, basta un post su fb per subire Conseguenze; figurati te se mi comprometto su questo blog anti-aziendacato!

      Elimina
  8. Questa azienda è l'unica che non riconosce certe mansioni che in qualsiasi altra azienda sono riconosciute anche con accordi aziendali, anche perché il capo turno o capo area che dir si voglia è una figuraimprescindibile,ed essendo operai dovrebbero ancor di più essere tutelati! Svegliatevi!

    RispondiElimina
  9. E' regolare che un quarto insegni a un quinto se ne sa di più...qual'é il problema?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema caro mio, è che se se "elevi" a quinto qualcuno, è per le sue capacità e competenze acquisite. Come fa allora a esistere un 4º che ne sa più di lui? Perché questo 4º "insegnante" non è diventato 5º a suo tempo?

      Hasta la vista amigos

      Elimina
  10. Sicuramente...ha fatto più del 4°livello....disponibilità ruolo..in azienda ci sono persone valide ma purtroppo con poca voglia e poca professionalità. ...questo quarto secondo me ha tante chiacchere...un capo turno è un 5°livello x esempio...ma non ci capisce nulla sulle macchine (ruolo di responsabilità ) il 4° si non per questo gli spetta il livello superiore. In altre aziende l'operatore è inquadrato con il 2°-3° livello al massimo...Meditate gente.....Meditate...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I 4º in azienda non fanno tutti lo stesso lavoro. A prescindere dalla "bravura" o estro dimostrato. Doti peraltro innate e imprescindibili della persona in questione. EPPURE abbiamo, dicevo, tutta una serie di mansioni da operaio che sono diversissime tra loro (e intendo a livello di responsabilità). Non giriamoci intorno: c'è gente parcheggiata in stanzine a rubare stipendi e c'è gente che salta le pause e esce ben oltre l'orario di lavoro per sopperire alle mancanze di certi lavoratori (pure non operai).
      In altre aziende l'operaio è 2º o 3º? Stai sicuro che NON ne troverai UNO che ha certe premure verso il lavoro che svolge. Se le ha, spero per lui che non sia vittima dello stesso sistema meritocratico che viviamo noi.
      Medita te vai, il tempo dell'oro è finito da un pezzo. Per l'operaio, certo.

      Elimina
  11. Resta il fatto che in altre aziende queste anomalie non ci sono, in altre aziende l'operatore è di secondo e terzo livello ma non fa altre mansioni diverse e con piu' responsabilità. Non esiste vedere ex manutentori con il 5 livello alle macchine altrimenti succederebbe un bordello, alla Continetal viene accettato tutto sia da operai, che da impiegati che dal sindacato...siamo anomali in tutto!

    RispondiElimina
  12. Il clima è cambiato,certo, ma soltanto il clima, gli errori fatti in passato non vengono risolti e in piu' se ne aggiungono altri come detto da altri in questi messaggi, ma il sindacato che intenzioni ha?

    RispondiElimina
  13. Immobilismo. Meglio del colpo di spugna o della bonifica. Comporta meno fatica e scopre meno altarini (del passato e del presente)

    RispondiElimina